lug

30

Un museo dedicato alla storia del profumo, tra antiche ricette ed esemplari unici

Posted by : alessandra | On : 30 luglio 2012

 

Vi siete mai chiesti quali erano i profumi preferiti dai Romani? O quale tipo di colonia adoperasse l’imperatore Bonaparte?
Se al pari di me trovate l’universo dei profumi estremamente affascinante, sarete felici di scoprire che a Versailles esiste un museo davvero speciale, una vera e propria “biblioteca degli odori” dedicata ai profumi di oggi e di ieri: oltre 1800 fragranze conservate alla temperatura costante di 13 gradi, 400 delle quali costituscono delle gemme rare e preziose ormai “estinte”.

Questo scrigno ricco di tesori olfattivi è l’Osmotheque di Parigi, fondata nel 1990 da Jean Kérleo, famoso inventore di profumi di successo. Alcuni degli esemplari conservati sono originali, è il caso del leggendario Chanel numero 5 del 1921, altri sono delle perfette e fedeli riproduzioni create da Kérleo. Altra chicca per gli appassionati e i curiosi del genere il rarissimo Crepe de Chine del 1925 o lo Cypre de Coty realizzato da François Coty nel 1917.
Capolavori del genio umano, le fragranze esposte all’Osmotheque di Parigi raccontano la storia di quella che a tutti gli effetti è una vera e propria forma d’arte. Tra le tante curiosità anche le ricette dei profumi adoperati ai tempi dell’antica Roma descritte dallo storico Plinio.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *