ago

01

Travel blogger: il futuro della comunicazione turistica è 2.0

Posted by : alessandra | On : 1 agosto 2012

No, non è una favola per bambini: il mestiere più bello del mondo esiste. Forse, volendo essere pignoli,  ha un unico neo: non si fa altro tutto il tempo che viaggiare, viaggiare, viaggiare…Cosa ne dite, non piacerebbe anche a voi essere un travel blogger?
Viaggiatori insaziabili e instancabili costantemente on the road, questi nuovi “marco polo” sono costantemente a caccia di nuove emozioni ed avventure, si divertono a scoprire per noi posti inediti e itinerari insoliti, provano di tutto, dalla cucina locale al percorso di trekking tra le montagne, per poi raccontare e condividere le proprie esperienze in rete postando,  tra un tweet e l’altro, vagonate di  video e foto.

Espressione di una nuova generazione 2.0, i travel bloggers hanno prevalentemente dai 25 ai 40 anni e possiedono un’estrema familiarità con i nuovi strumenti di partecipazione e condivisione del web. Alcuni hanno iniziato per passione, come l’inglese Melvin Boecher, autore del blog www.traveldudes.org, attualmente a quota 80.000 followers su twitter. Altri hanno abbandonato il precedente lavoro con in mente già un preciso modello di business: è il caso di Keith Jenkins, in precedenza un carriera nell’investiment banking, creatore del sito velvetscape.com e ideatore di iambassador, un modello di marketing e comunicazione 2.0 che trasforma i travel blogger in veri e propri ambasciatori digitali di destinazioni e itinerari turistici.

Ovviamente non tutti riescono a trasformare la passione per i viaggi in una vera e propria professione, per alcuni condividere foto, esperienze e ricordi dell’ultima esotica destinazione resta resta principalmente un hobby. Ma per chi è riuscito a trasformare tutto ciò in una fonte di guadagno, le prospettive sono davvero allettanti. Il futuro nel marketing turistico è proprio lì, nel racconto e nella condivisione online. L’aspetto più interessante di un blog di viaggi deriva dall’apporto della community che contribuisce ad arricchire ogni post con informazioni e suggerimenti altrimenti introvabili, piccole chicche e preziose dritte condivise dagli utenti e messe a disposizione di altri incalliti e appassionati viaggiatori.

Web e territorio, persone ed esperienze: sono queste le carte vincenti della nuova comunicazione turistica nell’era dei social network, un modello che si sta affermando velocemente anche nel nostro paese.
E’ il caso del programma Umbria on the blog: il progetto promosso da Confindustria Umbria Turismo & Alberghi ha visto un gruppo di blogger diventare per un weekend, dal 15 al 17 aprile, i principali testimonial  delle bellezze e delle tipicità del territorio umbro, attraverso il racconto online del proprio viaggio alla scoperta di alcune delle città più belle della regione.
Stessa formula anche per l’Activity Wellness Blog Trip organizzato nella Val di Fiemme e nella Val di Sassa daVita Nova Trentino Wellness, il consorzio che riunisce i migliori hotel specializzati in benessere del Trentino. Giunto alla sua terza edizione, il programma quest’anno ha coinvolto i blogger selezionati in un tour ricco di esperienze, dal rafting alle passeggiate notturne sotto il cielo stellato, dalla degustazioni di Trento Doc alla scoperta dell’artigianato locale, per gustare la montagna in tutte le sue declinazioni, dagli aspetti culturali e folcloristici a quelli naturalistici e di benessere.

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *