lug

02

Lo shopping si fa in aeroporto: i grandi hub si preparano a diventare i nuovi templi del benessere e del tempo libero

Posted by : alessandra | On : 2 luglio 2012

Spa, piscine, parchi, grandi firme e prodotti tipici:  saranno i grandi aeroporti le nuove mete commerciali del futuro, dedicate agli acquisti, al wellness e allo svago, con spazi e servizi pensati non solo per chi viaggia.

Ultimamente mi è capitato spesso di prendere l’aereo dall’aeroporto di Capochino. E ogni volta che mi sono trovata a trascorrervi un pò di tempo in attesa del volo, l’ho trovato diverso, e devo dire, migliorato. Nuovi negozi, nuovi ristoranti, nuovi spazi dedicati al relax dei passeggeri con tanto di divanetti e tavolini.

In attesa dell’imbarco, io e il mio fidanzato, ci siamo anche concessi una sfogliatella calda e profumata all’Antica Pasticceria Vincenzo Bellavia. Al ritorno invece abbiamo approfittato del percorso che conduce all’uscita per acquistare la mozzarella e la ricotta di bufala delle Fattorie Garofalo – una vera bontà, ve lo garantisco.

E così, tra un giro di shopping, una sosta al bar e un salto all’edicola,  l’attesa del volo è stata davvero piacevole. Proprio in questi giorni ho letto un pò di news sull’argomento e ho scoperto che, in realtà,  si tratta di una tendenza generale, un progetto commerciale che vedrà gli aeroporti del futuro trasformarsi in luoghi sempre più accoglienti, capaci di attirare un flusso sempre più ampio di visitatori – passeggeri e non – e dove volare sarà solo una delle tante cose che vi si potrà fare.

Basta farsi un giro nei maggiori e più importanti aeroporti del mondo per capire come ormai ci si trovi di tutto di più.
Non manca davvero nulla: dalla fish spa (dotate vasche al cui interno piccoli pesciolini si occupano della vostra bellezza, banchettando con la vostra pelle morta e restituendovi un’epidermide liscia e rigenerata) al giardino di farfalle e alla piscina con ambientazione tropicale che ricorda la vegetazione dell’isola di Bali dell’aeroporto Changi  a Singapore  (si tratta di uno degli aeroporti più belli al mondo, per visitarlo si organizzano dei tour guidati) al mercatino natalizio dell’aeroporto di Monaco, dalle lezioni di cucina presso gli scali parigini di Orly e Charles De Gaulle alla fattoria verticale dell‘O’Hare di Chicago. L’aeroporto Schiphol ad Amsterdam non è da meno, potendo vantare un vero e proprio parco cittadino con tanto di luce naturale e versi degli animali. Nell’aeroporto di  Helsinki si può addirittura sostare all’interno di home lounge, riproduzione in piena regola di una casa finlandese. E non si può di certo non menzionare quella meraviglia del Dubai International Airport,  vero e proprio tempio dello shopping di lusso, tra gioielli, profumi, vestiti, il paradiso del duty-free per chi non ha problemi di budget e ama gli acquisti esclusivi.

Nuove mete dello shopping, dove si potrà potrà lavorare, divertirsi, mangiare, dormire, sperimentare la cultura e la cucina locale – secondo una ricerca della società Fast Future, entro il 2025 i grandi hub si preparano a diventare veri e propri centri di moda, capaci di attirare le grandi firme e i marchi più prestigiosi dall’abbigliamento al gusto, dall’estetica al design e di offrire anche a non viaggiatori il meglio nell’ambito degli acquisti, del benessere, dell’intrattenimento.

Una notevole diffusione stanno avendo soprattutto i centri benessere e le spa all’interno degli scali, spesso più belli e attrezzati di quelli che si trovano in città: una vera esplosione di massaggi, trattamenti viso, saune e vasche idromassaggio il cui imperativo è sempre lo stesso:  viziare e coccolare i passeggeri più esigenti in attesa di imbarcarsi.

Dal Rejuve al terminal 1 del Londra Heathrow Airport specializzato in massaggi e trattamenti drenanti all’Oasi Day Spa del New York JFK International Airport dove rilassarsi tra cure per la pelle, idroterapia e trattamenti estetici, dal  Plaza Premium Lounge di Singapore decorato in stile zen – offre ai propri clienti docce, massaggi, riflessologia, dotato di palestra, bar e camerini, fino ad arrivare al nostrano Tonic Beauty Club all’interno dell’aeroporto romano di Fiumicino, un centro benessere dotato di stanza polisensoriale (Sensory Suite) con massaggi shiatsu e olistici accompagnati da aromaterapia, cromoterapia e musicoterapia al Portofino’s Beauty Farm Intégrée dell’aeroporto di Malpensa, dove è possibile scegliere tra un bagno turco, una sauna, una doccia solare o una sessione dal parrucchiere.

Insomma, non c’è da stupirsi se ben presto, parlando con le amiche, ci troveremo a darci appuntamento all’eroporto per l’aperitivo del venerdì o la manicure dell’estetista….

 

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *